Come é nata Nordcruz

Sono Michele e insieme ad Alessandro sono uno dei fondatori di Nordcruz.

Anche se siamo sempre stati nel mondo del ciclismo, io e Alessandro non avevamo esperienza nella costruzione di borse per bici.

Io lavoro come Export Manager per un'azienda metalmeccanica mentre Alessandro ha una lunghissima esperienza come Area Manager nel mondo del ciclismo.

In poche parole, io mi occupo della vendita all'estero dei prodotti dell'azienda per cui lavoro.

A febbraio 2020 ero in California per una fiera del mio settore.

Nessuno immaginava che il mondo sarebbe cambiato dopo un mese a causa del Corona Virus.

Nel marzo 2020, l'Italia era in blocco.

Mentre ero a casa nello smartworking come molte persone, 2 notizie in pochissimo tempo hanno cambiato la mia percezione del mondo.

Il primo era che a causa della sosta generale i delfini erano tornati a Venezia.

 

Delfini Venezia

https://www.esquireme.com/content/44556-covid-19-upside-dolphins-return-to-the-venice-canals-as-humans-self-isolate

La seconda era che grazie alla riduzione dell'inquinamento i Panda erano tornati a riprodursi nello zoo di Hong Kong.

Possibile che il trasporto inquini così tanto?

Così ho iniziato a informarmi bene.

Il 75% dell'effetto serra è causato dai trasporti.

Se tutti acquistassimo prodotti a chilometro zero vivremo in un mondo migliore e con tutti i comfort del mondo occidentale.

Intendo tutti i prodotti a chilometro zero, dal cibo all'abbigliamento. Tutto il possibile.

Sono il padre di 2 ragazze meravigliose e spesso mi chiedo quale mondo lascerò loro.

C'è qualcosa nel mio piccolo che posso fare per rendere il mondo un posto migliore?

Questa domanda continuava a girare nella mia testa.

Verso aprile-maggio quando hanno riaperto i centri commerciali sono andato da Decathlon a prendere delle borse perché volevo fare un giro in bici.

Il negozio a Bassano del Grappa in provincia di Vicenza che frequento era quasi vuoto.

Il motivo era che nessuna merce era arrivata dalla Cina.

Ero molto seccato per questa faccenda.

Così ho chiamato Alessandro, che vive a Torino e che conosce praticamente tutti i negozi di ciclismo del Nord Italia, per chiedergli se poteva procurarmi un set di borse da ciclismo.

Ricordo ancora quello che mi ha detto "Borse? Non ce ne sono per nessuno. Sono tutte made in Cina. Valeria, che sa usare la macchina da cucire, me ne sta facendo un paio recuperando il tessuto di una vecchia giacca di CORDURA"

Ecco la scintilla.

Perché non fare borse in Italia?

La manifattura italiana è apprezzata in tutto il mondo e se potessimo distribuire tramite internet sarebbe stato possibile realizzare prodotti di alta qualità a prezzi interessanti.

Così, dopo molti campioni infruttuosi, è nata NORDCRUZ.

Ora il nostro negozio online di borse é ancora piccolo ma contiamo di arricchirlo nei prossimi mesi.

Continua a seguirci.

Il futuro è Green.